Seleziona una pagina

LE COSE DA FARE

SULLA STRADA DEL FUTURO

Una città più pulita, che si muove meglio, che si sente più sicura e che consolida il suo senso di comunità. Una città capace di riappropriarsi del suo mare e che si prende cura del futuro delle nuove generazioni.
Sono questi i sei temi forti, attorno ai quali si snoda il cammino iniziato 5 anni fa. Sei idee simbolo, scelte attraverso il confronto con i baresi, per cominciare a immaginare il programma delle cose da fare nei prossimi 5 anni. Partendo dagli errori, dalle cose che potevamo fare meglio, e da quelle che non siamo riusciti a fare.
Abbiamo iniziato il nostro percorso verso la città che vogliamo, siamo a metà strada e questi sono i prossimi piccoli grandi passi che ci porteranno a destinazione.

1. Operazione Cassonetti Zero

La percentuale di raccolta differenziata a Bari continua a crescere e noi non possiamo arrenderci proprio ora. Il servizio di raccolta porta a porta si estenderà ancora, con l’obiettivo di eliminare completamente i cassonetti dalle strade, per una città più pulita. Non si stratta solo di decoro, ma di migliorare la qualità della vita dei baresi.

  • Semplificazione del sistema di conferimento rifiuti (sistemi informatici e app)
  • Estensione del porta a porta e attivazione di un sistema misto nelle zone più centrali
  • Cassonetti interrati nel centro cittadino
  • Incremento della rete dei centri di conferimento
  • Potenziamento degli Impianti REMAT e di compostaggio
  • Più cestini getta-carte nelle strade

2. MUVT: la rivoluzione della mobilità

Continuano le strategie per una città sempre più veloce e sostenibile, con nuovi servizi mirati a scoraggiare l’uso dell’auto a beneficio di autobus, biciclette e… salute. Meno stress per i cittadini, meno emissioni di CO2 per l’ambiente, aria più pulita per i nostri polmoni e quelli dei nostri bambini.

  • La MUVT card, una nuova carta e un sistema informativo per accedere in modo unico e integrato a tutti i servizi di mobilità
  • Bus gratuiti per 40.000 baresi (famiglie con bassi redditi e cittadini over 65)
  • Incentivi per chi usa la bicicletta
  • Agevolazioni per chi usa il bus per andare a lavorare o per fare shopping

3. Vicini di mare

Il mare è la nostra più grande risorsa. Per il turismo, la qualità della vita, il tempo libero e come importante fattore economico. Il nostro obiettivo
è quello di continuare a investire, collaborare con tutti gli attori coinvolti e riprenderci, definitivamente, il nostro mare e la nostra costa.

  • San Cataldo / Fiera: il polo del turismo family e business con la rinascita della Fiera, la realizzazione del porto turistico e la creazione
    di attrazioni per il turismo familiare (Museo del faro, Museo della scienza e dell’ambiente, Apulia Film House)
  • Porto e ZES: creazione della strada camionale che collegherà il porto all’Asi, che diventerà un polo logistico-produttivo sempre più attrattivo con l’istituzione delle ZES (free tax zone) e delle zone franche doganali
  • Costa sud: un grande parco urbano dedicato al tempo libero e la spiaggia urbana più lunga dell’Adriatico

4. Un piano straordinario per il lavoro

L’abbiamo detto e ripetuto fino alla noia: un sindaco non può dare il lavoro ai suoi cittadini. Ma un’amministrazione può lavorare per creare le condizioni favorevoli perché la città crei il lavoro che manca. E perché chi cerca lavoro sia messo nelle condizioni di trovarlo più facilmente. È questo il senso delle misure che abbiamo immaginato per i prossimi cinque anni.

  • Osservatorio permanente sul mercato del lavoro, con università e imprese per anticipare i fabbisogni del mercato e orientare istruzione, alternanza scuola-lavoro e competenze.
  • Percorsi di formazione tecnica per rafforzare le competenze e misure di politica attiva del lavoro per l’inserimento e il re-inserimento lavorativo
  • Voucher per studenti per l’accesso gratuito a corsi di formazione o per l’acquisto di strumenti di apprendimento (es. pc, tablet, software, strumenti musicali, etc)
  • Incentivi a fondo perduto fino a 40.000 € per chi crea start-up in ambito tecnologico, sociale e commerciale
  • Bonus tra 2.500 e i 5.000 € per le aziende che assumono

5. Una città in ogni quartiere

Ogni quartiere della città ha una sua storia, un suo percorso e una sua comunità forte che lo vive ogni giorno. In questi anni abbiamo lavorato per rafforzare queste comunità, attraverso la partecipazione e la cittadinanza attiva. Ora è tempo di creare in ogni quartiere servizi di prossimità che, occupandosi di welfare, formazione, viluppo, cultura e lavoro, aiutino ogni territorio a crescere. Tutti i servizi saranno resi più efficienti e sostenibili, dialogheranno tra loro e saranno messi in rete, sfruttando così il vantaggio di appartenere a un’unica grande Città metropolitana.

Cosa ci impegniamo a realizzare in ogni quartiere?

  • Spazi dedicati allo sport e aree verdi dove giocare e stare insieme
  • Luoghi della cultura e musei per valorizzare le identità e le bellezze di ciascun territorio
  • Spazi da assegnare ad attività sociali e culturali innovative
  • Presidi di welfare (centri diurni, centri di assistenza per le famiglie, empori sociali, centri civici)
  • Servizi di conciliazione vita-lavoro (asili nido e centri ludici)
  • Distretti urbani del commercio

6. Luci sulla città

Come ha dimostrato la sperimentazione partita nel quartiere Libertà e in alcune piazze cittadine, una città più luminosa è una città più sicura. Continueremo su questa strada, incrementando di pari passo i dispositivi tecnologici a presidio del territorio.

  • Sostituzione di tutta la pubblica illuminazione con 27.500 lampade a led
  • 500 nuove telecamere per arrivare a un totale di 1000
  • Sistema di sensori, droni e rilievi da satellite per aumentare il controllo della Polizia Municipale

Per scaricare il programma completo 2019-2024 della coalizione del centrosinistra clicca sul pulsante a destra